Uno studio condotto su modelli animali, ratti e toporagni, ed eseguito presso il presso il Dipartimento di Psicologia e Programma di Neuroscienze collaborative, Università di Guelph, Canada, ha valutato l’effetto anti-nausea e antiemetico della somministrazione sia acuta che ripetuta di CBD e CBDA. 

Dalla ricerca è emerso che sia il trattamento acuto (1 giorno) che ripetuto (7 giorni) di CBD e CBDA, somministrati per via sottocutanea, hanno ridotto i sintomi di nausea nei modelli animali. L’efficacia nel ridurre la nausea si è mantenuta durante uno studio di quattro settimane. Gli effetti sono stati mediati dal recettore 5-HT1A. 

La somministrazione ripetuta di CBD ha ridotto anche il vomito nei toporagni. 

Gli autori hanno concluso che “questi cannabinoidi potrebbero essere utili trattamenti anti-nausea e antiemetici per condizioni croniche, senza lo sviluppo di tolleranza”.

https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/32488349/